Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Venerdì 28 Febbraio 2020
Italiano

Booking.com

Parco di Villalba

Allerona (TR) - Al confine tra Umbria, Lazio e Toscana l’ambiente si schiude in uno spettacolo che ricorda i boschi fatati, le antiche leggende, la vitalità perfetta di un ritmo naturale originario. È il caso del Parco Naturalistico di Villalba, area boschiva di 200 ettari che si trova all’interno della foresta demaniale della Selva di Meana al confine con la Riserva Naturale di Monte Rufeno.

Il Parco fa parte del Sistema Territoriale di Interesse Naturale Monte Peglia e Selva di Meana istituito nel 2000 dalla Regione Umbria e si estende tra il comune di Allerona e il comune di Fabro.
L’ambiente è caratterizzato da colline la cui altitudine tocca i 680 metri s.l.m. e presenta boschi ad alto fusto costituiti essenzialmente da specie quercine accompagnate da esemplari più rari come l’acero, il faggio, il frassino e il castagno.
Nell’area del parco è possibile inoltre distinguere piante rare e pregiate come gli arbusti di frassinella ed oltre trenta specie di orchidee selvatiche.
Nel cuore del parco sorge un suggestivo borgo ormai in rovina, San Pietro Acquaeortus, occupato in passato dai monaci Benedettini. La denominazione dell’area deriva dalla presenza di una sorgente che la leggenda fa risalire al passaggio di San Pietro.
Ancora oggi è possibile trovare nella vegetazione essenze e piante come il sambuco, la melissa e l’origano, coltivate un tempo dai monaci per essere utilizzate in preparazioni officinali e medicinali.

Visitare il Parco di Villalba
L’area del Parco di Villalba è stata gestita nell’ottica dell’accoglienza del visitatore; sono state infatti realizzate numerose strutture per la sosta e il ristoro perfettamente integrate con l’ambiente circostante. Il Parco è dotato di una baita con servizio di ristorazione, di servizi igienici, di alcuni punti fuoco e di spazi attrezzati con panche e tavoli da pic-nic.
È stato inoltre realizzato uno spazio per eventi e manifestazioni che, specie durante il periodo estivo, ospita intrattenimenti e rassegne musicali come il festival rock I Suoni di Villalba.

Vari sono i percorsi tabellati predisposti per le escursioni nel verde del parco (Sentiero Leprara 1, Sentiero Leprara 2, Sentiero Poggio Spino, Percorso Mountain bike).
Il sentiero principale è quello dell’Escursione Acquaeortus, della durata di circa tre ore, che parte dall’are del parco lungo la provinciale n.50 dell’Osteriaccia e si sviluppa in località Monaldesca verso podere Fargneta. Il sentiero raggiunge poi il Podere Scopeto e il Fosso di Villalba per poi tornare al punto iniziale passando per la macchia Valicella.
Numerose sono le possibilità che il visitatore ha a disposizione per scoprire questo angolo di natura denso e inebriante; dalla semplice sosta rilassante alle energiche escursioni, durante tutte le stagioni.

Per informazioni sulle escursioni:
- Centro di Documentazione Ere geologiche, presso il Comune di Allerona:
tel. 0763-628312
- Laboratorio Ambiente Distrettuale di Allerona, via S. Abbondio n.1 ad Allerona Scalo: 
tel. 0763.24551
- Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana, via Principe Umberto n.17 a San Venanzo:
tel. 075.875323

Per informazioni
Telefono: 075.875323
Email: laballeronatin.it

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto