Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Venerdì 09 Dicembre 2022
Italiano English

Booking.com

Palazzo dei Priori

Perugia (PG) - Cardine della sistemazione urbanistica della Platea Magna, il possente complesso gotico del «Palatium Novum Populi» dà forma compiuta alle ambizioni di potenza e di fierezza del Comune perugino, che realizza una delle più grandiose e magniloquenti espressioni architettoniche della civiltà medievale italiana.

L'articolazione dei volumi, le asimmetrie e l'irregolarità dell'impianto evidenziano la lunga fase costruttiva, protrattasi dal 1293-97 al 1443, e l'utilizzo di strutture edilizie preesistenti. Il palazzo attualmente è sede del comune di Perugia e della Galleria Nazionale dell'Umbria (vedi).

La fronte verso la Piazza IV Novembre è spartita orizzontalmente da esili cornici. Nel corpo duecentesco una scalinata a ventaglio (1902), che sostituisce l'originaria gradinata a due rampe, sale a un grande portale fiancheggiato da due trifore, che dà accesso alla Sala dei Notari (vedi). Al di sopra sono due mensoloni su cui posano le copie del grifo perugino e del leone guelfo (gli originali sono conservati all'interno). In alto, cinque grandiose trifore gotiche sormontate da cuspidi, la cui scansione asimmetrica denuncia le due fasi costruttive. Il coronamento è formato da una linea di beccatelli che sorreggono il cornicione coronato da merli rettangolari. A destra della gradinata, fu anteposto al blocco trecentesco un portico di tre archi tra cui sporge un pulpito, dal quale si leggevano i decreti.

Sul fianco che prospetta su via della Gabbia è riconoscibile, nella cortina muraria, l'accorpamento trecentesco della casa-torre di madonna Dialdana, che nel 1255 era stata adibita a palazzo del Capitano.

La fronte sul corso Vannucci, mostra con limpidezza, nella scansione dei corpi di fabbrica e nell'ordine delle finestre, i successivi interventi costruttivi; al primo piano si allinea una serie di trifore, con due quadrifore; al secondo, diciannove stupende trifore gotiche che ripetono le forme di quelle della facciata. Nella parete trecentesca si apre il prezioso portale maggiore (1346) a pieno centro, con una complessa decorazione simbolica e fitomorfa. Nella lunetta, copie delle statue dei Ss. Lorenzo, Ercolano e Costanzo, i primi due patroni di Perugia (originali alla Galleria Nazionale).

Il portale immette in un austero atrio gotico, sostenuto da poderosi pilastri e coperto da robuste volte a crociera.

Al primo piano, è interessante la Sala del Consiglio Comunale, al cui interno: sopra la porta, affresco del Pinturicchio "Madonna col Bambino fra due angeli"; sul fondo, il grifo perugino e il leone guelfo, primo esempio nel Medioevo italiano di grandi opere fusorie a tutto tondo, realizzate quasi certamente a Perugia attorno al 1274 e secondo un'ipotesi pertinenti alla scomparsa fontana pubblica di Arnolfo di Cambio.

Al terzo piano è sistemata la Galleria Nazionale dell'Umbria.

Per informazioni
Telefono: 075 5741400

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto