Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Martedì 29 Luglio 2014Meteo:
Italiano

San Feliciano

Foligno (PG) - Foligno (Pg). San Feliciano e Foligno. La Chiesa di Foligno - come è noto, comprende quasi tutto il territorio del Comune di Foligno e quello dei Comuni di Spello e Valtopina - si sta preparando alla celebrazione solenne di San Feliciano, vescovo e martire. Chi mettesse in qualche modo in dubbio l’attaccamento dei folignati - per gli spellani e i valtopinesi, forse, le cose stanno diversamente - al Santo, difensore della Città, farebbe un gravissimo errore, perché ormai tutti, da secoli e secoli, lo considerano “loro” Patrono.

È vero che non è stato loro Vescovo, in quanto fu Pastore della Chiesa di Forum Flaminii - l’attuale frazione del nostro Comune e parrocchia della nostra Diocesi, che porta il nome di San Giovanni Profiamma -, ma il fatto che il suo corpo sia stato sepolto là dove ora sorge la nostra Cattedrale, attesta che Fulginia - o Fulginium - ha tutti i titoli per collegarsi indissolubilmente alla sua Persona e soprattutto al suo esempio.

Questo - l’esempio - è di altissimo valore, sia nel campo della evangelizzazione - quella di Feliciano oltrepassò i nostri confini - sia e soprattutto quello del martirio, vale a dire, nel nostro caso, dell’effusione del sangue per la fedeltà alla Parola annunciata e alla Trinità Divina.

Di tale testimonianza di San Feliciano sicuramente va fatto tesoro anche nelle attuali circostanze, in cui opera il popolo di Dio di Foligno, sotto la guida del suo Pastore.

Soprattutto per un efficace annuncio del Vangelo nel mondo degli adulti, che sempre più si rivela di difficile penetrazione, per motivi che talvolta sfuggono ad una analisi precisa. Ma anche per incoraggiare i giovani a non tirarsi indietro di fronte alle esigenza di una fede, che orienta – o meglio, dovrebbe orientare - le persone, non solo ad avere una particolare visione della vita, ma anche e soprattutto ad adottare una condotta, che si distingua per coerenza, generosità e solidarietà verso tutti, in particolare verso gli ultimi.

Può essere di aiuto a riscoprire questa esemplarità di San Feliciano, oltre che il solenne Pontificale del mattino del 24 gennaio, la bella tradizione della processione per le vie della Città, con la Statua, che mani indegne profanarono anni fa e che successivamente è tornata ad essere bella e attraente, com’era in passato? Non c’è dubbio.

don Sergio Andreoli

Per informazioni
Telefono: 0742.340177
Email: sergio.andreoli1tin.it
Sito web: www.donandreoli.it

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto