Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Martedì 16 Luglio 2019
Italiano

Museo dell'Olivo e dell'Olio

Torgiano (PG) - Il Museo dell'Olivo e dell'Olio è un museo privato specializzato in ambienti che furono prima parte di piccolo nucleo di abitazioni medievali e poi sede di un frantoio attivo fino agli anni Sessanta del Novecento.

Curato e gestito dalla Fondazione Lungarotti, il Museo dell’Olivo e dell’Olio è stato aperto al pubblico nel 2000. Insieme al Museo del Vino di Torgiano è inserito nel Sistema Museale dell’Umbria.

Attraverso collezioni di arti applicate e raccolte di cultura materiale documenta le tecniche di olivicoltura ed elaiotecnica, gli usi tradizionali e i significati simbolici dell’olivo e dell’olio.

Tavole botaniche raffiguranti le diverse varietà d’olivo diffuse in Umbria introducono la sezione che documenta le caratteristiche botaniche della pianta, le tecniche tradizionali e i sistemi innovativi di coltura. La presenza di una mola a trazione animale e di un imponente frantoio a trazione idraulica testimoniano, affiancati da documentazione fotografica e da schemi didattici, la lunga evoluzione dei sistemi di estrazione olearia.

Il percorso prosegue con la trattazione del tema mitologico: un alábastron attico a figure rosse, attribuibile al Pittore della Fonderia (sec. V a.C.), ritrae Atena, divinità che avrebbe fatto dono dell’olivo all’umanità. Gli altri reperti esposti attestano l’azione civilizzatrice della dea – depositaria del sapere tecnologico – in ambito domestico femminile, agricolo, navale e bellico.

La sezione dedicata al paesaggio conserva cabrei, carte e oggetti evocativi del Grand Tour: la ricorrenza, in Umbria, di terreni condotti a oliveto colpisce l’immaginazione dei viaggiatori che riportano nei loro taccuini, sotto forma di descrizioni o di rapidi schizzi, il loro interesse per il paesaggio.

Gli ambienti successivi documentano gli impieghi tradizionali dell’olio: l’uso più remoto – l’olio come fonte di luce – è documentato da una collezione di lucerne da età preclassica al neoclassicismo. Gli usi rituali dell’olivo e dell’olio nell’Ebraismo, nel Cristianesimo e nell'Islam, il loro impiego nell’alimentazione, nello sport, nella preparazione di unguenti e profumi, nella sfragistica, nella tessitura, nell’ebanisteria e in numerose altre attività, costituiscono gli spunti per le rimanenti sale espositive. Il complesso di significati simbolici che, per diretta derivazione dall’antico, conferisce all’olivo e all’olio valenze di sacralità e poteri magico-terapeutici, è documentato nell’ultima sala del percorso espositivo.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto