Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Giovedì 13 Giugno 2024
Italiano English

Booking.com

Galleria Nazionale dell'Umbria - Palazzo dei Priori

Perugia (PG) - Il Palazzo dei Priori (vedi) ospita la raccolta museale è la più esaustiva e completa della regione, per la varietà e la molteplicità delle testimonianze artistiche pertinenti ad un arco cronologico compreso tra il XIII e il XIX secolo. Parte dei lavori qui conservati costituivano il ricco patrimonio ad uso didattico dell’Accademia di Perugia, fondata nel 1573. Ad esse si aggiunsero opere donate da privati e quelle demanializzate dopo i provvedimenti di soppressione degli ordini e delle corporazioni religiose, emanati prima dal governo napoleonico e in seguito dallo Stato italiano.
La consistenza numerica e il valore della raccolta portarono nel 1863 all’istituzione di una Pinacoteca Civica, intitolata a Pietro Vannucci. Nel 1918 fu ceduta allo Stato e assunse il nome di Regia Galleria Vannucci, poi Galleria Nazionale dell’Umbria.

L’ordinamento museografico, presentato nella sua veste definitiva nel dicembre 2006, propone le opere in sequenza cronologica; il percorso è intervallato da sezioni monografiche dedicate ai tessuti umbri, all’oreficeria, alle ceramiche, alla grafica antica, alla topografia.

 La collezione comprende capolavori del Maestro di San Francesco, Arnolfo di Cambio, Nicola e Giovanni Pisano, Duccio di Buoninsegna, Gentile da Fabriano, Beato Angelico, Benozzo Gozzoli, Piero della Francesca, Agostino di Duccio, Francesco di Giorgio Martini, un cospicuo nucleo di dipinti di Pietro Vannucci, detto il Perugino, oltre alle opere di Pintoricchio, Orazio Gentileschi, Pietro da Cortona, Valentin de Boulogne, Sebastiano Conca, Pierre Subleyras, Jean Baptiste Wicar. La Galleria dispone di ampi spazi ai piani superiori, quali la Sala Podiani e la contigua Sala Conferenze, destinate ad attività espositive, convegnistiche e didattiche.

L'eposizione è così organizzata:

Sale 1-4: Pittura e scultura dal XIII al XIV secolo
Sale 5-7: Pittura senese e fiorentina della prima metà del secolo XV.Il gotico internazionale in Umbria.
Sale 8-11: I capolavori del Rinascimento
Sale 12-16: Pittura marchigiana e umbra del secolo XV
Sala 17: Il "tesoro" - oreficerie e avori dal XIII al XV secolo
Sala 18: Sala del Delegato - L'arte del tessuto umbro
Sala 19: I frammenti scultorei di Agostino di Duccio
Sala 20: Incisori e ceramisti perugini del secolo XV
Sala 21: La cappella dei Priori
Sale 22-26: I capolavori della pittura e della scultura del Rinascimento: Perugino, Pintoricchio e Francesco di Giorgio Martini.
Sale 27-30: La pittura perugina della prima metà del '500 e l'influenza dei grandi maestri.
Sale 31-33: I maestri del Manierismo umbro.
Sala dell'Orologio

Le stanze di Aldo Capitini
Sale 34-37: La pittura tra '500 e '600; i disegni, il Classicismo e Caravaggismo; l'antico refettorio dei Priori.
Sale 38-39: Il '700
Sala 39: Topografia perugina dell'800
Sala 40: La collezione di Luigi Carattoli
La Sala Podiani prende il nome dall'erudito e bibliofilo perugino Prospero Podiani il quale, nel 1582, donò settemila volumi che costituirono il primo nucleo della Biblioteca Comunale Augusta, ospitata fino al 1968 in questa sede. La sala Podiani è riservata alle attività museali e alle mostre temporanee. Ragioni di spazio, tuttavia, hanno indotto a collocare alle pareti tre grandi pale d'altare: la Madonna col bambino e santi del toscano Cristoforo Gherardi detto il Doceno, commissionata nel 1548-1549 dal legato pontificio Tiberio Crispo per la chiesa perugina di Santa Maria del Popolo, l'Adorazione dei Magi che Hendrick van den Broeck, detto Arrigo Fiammingo, realizzava nel 1564 per l'altare di Adriano di Nicola Montemelini in San Francesco al Prato, l'Ascensione di Cristo, di ignota provenienza, che Ippolito Borghesi eseguì con ogni probabilità a Napoli ai primi del Seicento.



Orario:
8.30-19.30 da martedì a domenica
chiusura: tutti i lunedì, 1° gennaio, 1° maggio, 25 dicembre. - lunedì di apertura straordinaria -

Biglietteria
Ubicata nell'atrio del palazzo dei Priori.
Servizio in concessione a Sistema Museo (Infoline 199 151123)

Biglietto: intero € 6,50
 ridotto € 3,25
    •    Cittadini dell'Unione Europea tra 18 e 25 anni
    •    Insegnanti di ruolo nelle scuole statali

 

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto