Il nostro network: News | Turismo | I 92 comuni | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Prenotazioni | Ristoranti e Locali | Shopping | Casa | Wedding/Matrimoni | Wellness/Benessere | Turismo Religioso | Facebook | Twitter | YouTube | Google+ | iPhone | Android
Martedì 21 Ottobre 2014Meteo:
Italiano English

Abbazia di Santa Maria di Sitria

Scheggia (PG) - L'Abbazia di Santa Maria di Sitria fu fondata da san Romualdo tra il 1018 e il 1021. Il santo già nel 1014, proveniente da Valdicastro, vi aveva costruito un eremo formato da celle realizzate con pietra e legname, dove soggiornò per sette anni. Sorge in posizione alquanto isolata, nel parco naturale del monte Cucco, nel comune di Scheggia Pascelupo (PG), in una stretta valle alle pendici del monte Nocria (867 m.), già chiamato Notria e ancor prima Sitria, non lontano dal massiccio del Catria (1701 m.), nei pressi del torrente Artino che, raggiunto il centro abitato di Isola Fossara, confluisce nel fiume Sentino.

Qui risuonava il nome di Nitria, l'area desertica del delta del Nilo dove si manifestarono le prime espressioni dell'eremitismo d'Oriente. Oggi dell'abbazia restano la chiesa e una costruzione addossata trasformata in casa colonica, il cui salone al piano terra potrebbe essere stato l'antica Sala Capitolare. Le celle e altre strutture del cenobio, seppur fatiscenti, erano presenti fino al 1949.

La chiesa dell'XI secolo, rimaneggiata sul finire del Duecento, ha subito successivi restauri; quello del 1972, eseguito in maniera esemplare, le ha fatto riacquistare le austere linee originarie. E' un bell'esempio di architettura romanico-gotica con pianta a croce latina a navata unica, collegata al presbiterio rialzato tramite una scala in pietra di otto gradini. Il solo arco ogivale è quello che delimita l'abside che presenta una stretta monofora centrale e resti di una Crocifissione in affresco e pittura murale a secco. L'altare in travertino, ha la mensa sorretta da 13 colonnine raccordate da archetti trilobati, alcune delle quali ricostruite perchè rubate negli anni sessanta del '900.

La cripta, alla quale si accede per un ingresso al centro della scalinata, è molto suggestiva e presenta la volta romanica sorretta da una colonna di granito con capitello corinzio, sicuramente proveniente dall'area ancheologica di Sentinum. Sulla sinistra della Cripta si trova la lunga e stretta cella di san Romualdo. A Sitria soggiornarono san Pier Damiani, sant'Albertino da Montone, san Domenico Loricato, il beato Tommaso da Costacciaro, il monaco Mainardo fondatore dell'abbazia di Sassovivo di Foligno.

I monaci lasciarono il monastero nel XV secolo dopo che nel 1451 papa Niccolò V l'affidò agli abati commendatari che lo amministrarono fino alla soppressione napoleonica del 1810; in seguito, nel 1836 Gregorio XVI lo pose sotto la giurisdizione della vicina Fonte Avellana.

L'ultimo abate regolare fu Pandolfo degli Atti di Sassoferrato morto nel 1457. L'antico fonte battesimale fu trasferito il 1° maggio 1580 nella parrocchiale di san Benedetto di Isola Fossara per volontà del commendatario Ludovico Cesi. Nel 1861 le strutture furono confiscate dal Regno d'Italia e in seguito cedute a privati. Successivamente la chiesa abbaziale è ritornata ai monaci Camaldolesi di Fonte Avellana che ne sono gli attuali custodi a nome della tradizione romualdina millenaria che rappresentano.

[Fonte: Umbria OnLine]

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto